Bandiera Argentina

I grandi fiumi

  
Per informazioni e richieste info@argentinaonline.it  
  A R G E N T I N A ...  
u n a  t e r r a  d i 
s e n s a z i o n i 
 La regione
  Mappa

Situazione Meteo
a Iguaz¨



 Visita virtuale
 Escursioni
 Itinerari suggeriti
 Turismo specializzato
 Prodotti tipici
  Home Page
  Dove andare e cosa fare



Le cascate e la giungla


Nell'area che comprende le province di Misiones, Corrientes, Entre Rýos, Chaco e Formosa si presentano panorami e climi diversi che hanno un proprio incantesimo che ha abbagliato in un certo senso, la sensibilitÓ del viaggiatore di ogni provenienza, diventando una delle destinazioni turistiche pi¨ importanti del mondo. Natura lussureggiante, riserve, parchi naturali, architettura nelle missioni gesuitiche dichiarate dall'Unesco "Patrimonio Culturale dell'UmanitÓ", grandi fiumi, infrastruttura alberghiera ineccepibile, aeroporti internazionali e sistemi aggiornati di trasporto e comunicazione, armonia e cortesia della sua gente, fanno della regione il luogo dove tutti almeno una volta vorrebbero andare.
Le Cascate dell'Iguaz¨ ("Acqua Grande" in lingua guaraný) sono situate nella provincia di Misiones, a nordest del Paese, al confine con il Paraguay ed il Brasile ed inserite nel Parco Nazionale di Iguaz¨ con le sue migliaia di palme e di orchidee, e dove tucani, pappagalli e cocorite convivono in armonia con le scimmie, i tapiri e i giaguari. Fu il loro fragore, udibile a 15 km di distanza, a guidare Alvar Nu˝ez Cabeza de Vaca nel 1541 alla loro scoperta: 275 salti, alti dai 50 agli 80 metri, per 2.700 metri. L'origine fu una eruzione vulcanica di milioni di anni fa, in seguito alla quale il fiume Iguaz¨ non riuscendo a scavarsi un letto, cominci˛ a scorrere sul terreno di basalto. Oltre alla famosa Garganta del Diablo, una parete di acqua alta 80 metri, esistono altri salti (Bossetti, Alvar Cabeza de Vaca, ecc.) che si possono visitare a piedi percorrendo delle passerelle, dei sentieri e dei belvedere che permettono di osservarle a distanza molto ravvicinata.
In solo due ore d'aereo si pu˛ arrivare da Buenos Aires a Posadas, capitale della provincia di Misiones sulla riva del fiume ParanÓ, dove si pu˛ praticare ogni tipo di sport nautico Ŕ interessante per i suoi musei con reperti degli indios guaraný ed il Palazzo del MatŔ, tra altri, fra cui il giardino botanico con specie arboree della foresta di Misiones.
OberÓ, la seconda cittÓ della provincia il cui nome in lingua guaraný significa "colei che brilla" Ŕ circondata da strade di terra rossa, luoghi selvaggi, alberi giganti, riserve naturali e comunitÓ aborigeni, posti ideali per vivere avventure ecologiche nonchÚ sostare in case di campagne e visitare piantagioni di tŔ e di matŔ.
Puerto Iguaz¨, Ŕ un vero polo internazionale di turismo, punto strategico in mezzo a tre confini (Argentina, Paraguay e Brasile) dove si possono acquistare prodotti artigianali della zona. A pochi chilometri si trova Wanda con il suo giacimento a cielo aperto di pietre semi preziose.
La strada di 300 km che unisce Posadas e le cascate Ŕ un viaggio incantevole attraverso la giungla, con alcuni punti interessanti dove fermarsi e fare una visita, come le piantagioni di tÚ e di matŔ, un'erba locale molto utilizzata, delle preziose miniere e alcune rovine delle antiche missioni gesuitiche a San Ignacio Miný. Questa missione fu costruita nel 17░ secolo dai Guaraný, gli abitanti indigeni dell'area. Alcune delle mura di sabbia rossastra sono alte 10 m, i resti che si sono preservati meglio sono le colonne, le gallerie ed i gradini d'ingresso della chiesa. Le decorazioni (motivi floreali, angeli e colombe) erano probabilmente scolpite nelle mura. San Ignacio Miný fu bruciata nel 1817 e quello che rimase fu inghiottito dalla giungla. Fu riscoperta nel 1897 ed oggi si pu˛ visitare tutti i giorni dalle 7,30 alle 18.
Corrientes adagiata sulla riva destra del fiume ParanÓ Ŕ conosciuta mondialmente per la sua fauna particolarmente quell'ittica, per la pesca del Dorado con le sue relative manifestazioni a livello internazionale, il suo carnevale e le zone paludose degli Esteros del IberÓ.
Chaco con il suo Parco Nazionale di circa 15.000 ettari con un'esuberante vegetazione e una fauna con tartarughe, yacarŔ, ecc. La selva impenetrabile con varia vegetazione dove il "quebracho" bianco e rosso, regna indiscusso, con poche strade percorribili.
La provincia di Entre Rýos, chiamata la "provincia verde" per la sua vegetazione, Ŕ situata tra i fiumi ParanÓ ed Uruguay ed unitamente alle province di Corrientes e Misiones forma la regione argentina della Mesopotamia.
La si pu˛ visitare in ogni stagione poichÚ offre panorami, storia e tradizione ed una situazione strategica molto vicina alle grande cittÓ argentine. Coline, foreste, fiume e due grandi parchi naturali la caratterizzano: El Palmar ed il Pre Delta con straordinaria varietÓ di flora e fauna.
A ParanÓ, la capitale, Ŕ interessante attraversare il Tunnel Subfluvial, che passando sotto il fiume ParanÓ unisce questa cittÓ con quella di Santa FŔ.
La provincia di Santa FŔ, agricola ed industriale per eccellenza, attrae per il suo fiume, il ParanÓ, dove nelle isole ci sono posti di ricreazione incantevoli.
I fiumi della regione sono i posti ideali per la pratica di sport nautici, come windsurf, sci acquatico, canoa, kayak, ecc. La pesca Ŕ uno degli sport pi¨ praticati, (surubý, pati, dorado, bagre e pescerŔ).
Rosario, cittÓ industriale e commerciale, Ŕ famosa per il Monumento alla Bandiera, il Parco Indipendencia ed i suoi musei.

Inviate commenti a: webmaster@argentinaonline.it
|Partire: come, quando e con chi |Dove andare e cosa fare | Reportage | Itinerari suggeriti |
(c) 2000. ArgentinaOnline (Tutti i diritti riservati)
ARGENTINA: QUANDO LA NATURA DIVENTA SPETTACOLO... ARGENTINA NATURALMENTE
Il sole e le Ande Buenos Aires La Patagonia del mare La Patagonia dei laghi La Pampa ed il Centro